Nuovi obblighi in materia di lavoro, dal 12 ottobre 2017 il datore è obbligato a comunicare all’Inail l’infortunio che comporta un’assenza dal lavoro da uno a tre giorni.

L’Inail, con la circolare n. 42 del 12 ottobre 2017, ha fornito le istruzioni operative al fine di adempiere al nuovo obbligo che risponde ad una finalità statistico-informativa e che si aggiunge a quello della denuncia degli infortuni con prognosi di almeno quattro giorni (escluso quello dell’evento).

Pertanto, entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, le aziende dovranno comunicare all’INAIL i dati e le informazioni relative all’infortunio sul lavoro mediante il nuovo servizio telematico “Comunicazione di infortunio” reso disponibile dall’istituto.

Qualora si verifichino eccezionali e comprovati problemi tecnici all’invio telematico della comunicazione, il relativo modello, una volta compilato, dovrà essere inviato all’indirizzo Pec della sede locale dell’Inail che sarà individuata in base al domicilio del lavoratore infortunato.

Qualora sia stata effettuata solo la comunicazione, se l’assenza si prolunga oltre il terzo giorno, il datore di lavoro può integrare la comunicazione con i dati previsti per la denuncia e inviarla all’istituto utilizzando la nova funzione “Converti in denuncia”.

In caso di omissione dei suddetti obblighi, sono previste le seguenti sanzioni pecuniarie:

  • in caso di omessa comunicazione è prevista una sanzione compresa tra 548,00 e 1.972,80 euro;
  • in caso di omessa denuncia è prevista una sanzione compresa tra 096,00 e 4.932,00 euro.