Fondi di previdenza complementare: le novità in materia di TFR

Nella Gazzetta Ufficiale n°91 del 19 Aprile 2018 è stato pubblicato il decreto del Ministero del Lavoro datato 22 Marzo 2018. In questo decreto viene introdotta la possibilità per chi ha iniziato a lavorare dopo il 28 Aprile 1993 di poter scegliere se destinare interamente o solo in percentuale il proprio TFR ad un fondo di previdenza complementare di categoria, lasciando il compito di stabilire l’entità delle percentuali minime alle contrattazioni collettive relative. Qualora non

Stipendi ai dipendenti: dal 1° Luglio niente denaro contante

Dal 1° Luglio 2018 entra in vigore il nuovo obbligo di tracciabilità delle retribuzioni e dei compensi erogati ai lavoratori. Si tratta di una delle novità della Nuova Legge di Bilancio (Legge n. 205/2017) che mira a combattere il fenomeno delle “false buste paga”. Indipendentemente dalla tipologia di rapporto di lavoro instaurato, i datori di lavoro, dal prossimo 1° Luglio, non potranno corrispondere la retribuzione o i relativi anticipi tramite denaro contante. Alla luce del

Assunzione disabili nelle PMI: gli obblighi dal 1° Gennaio 2018

Dal 1° Gennaio 2018 le imprese che impiegano un numero di dipendenti compreso tra 15 e 35 saranno obbligate ad assumere un lavoratore disabile dalle liste di collocamento obbligatorio. Vediamo nel dettaglio cosa è cambiato con l’arrivo del 2018 e quali sono le principali differenze rispetto alla precedente normativa. Fino al 31 dicembre 2017 le aziende avevano l’obbligo di assumere un lavoratore disabile in caso di nuova assunzione, quindi, con l’ingresso della 16esima unità in

Sgravi contributivi per i datori di lavoro che applicano contratti collettivi aziendali

Nella Gazzetta Ufficiale n. 248 del 23 ottobre 2017 è stato pubblicato il decreto interministeriale del ministero del Lavoro, in attuazione di quanto disposto dall’art. 25 del D.lgs. 80/2015 riguardante un nuovo incentivo per le aziende che introducano misure di conciliazione vita-lavoro. Per prima cosa, il decreto stabilisce chi sono i beneficiari dello sgravio contributivo, ovvero i soli datori di lavoro del settore privato. Questi dovranno aver sottoscritto e depositato contratti collettivi aziendali che migliorino

Assunzione giovani lavoratori: tutte le novità del 2018

Numerose novità in arrivo con il 2018 che hanno come obiettivo principale quello di rilanciare l’occupazione dei giovani lavoratori. Dal 1° gennaio 2018 le aziende che assumono a tempo indeterminato lavoratori con meno di 35 anni potranno beneficiare, per un periodo massimo di 36 mesi, di un esonero dal versamento del 50% dei contributi previdenziali, con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’Inail, nel limite di un importo massimo annuo pari ad euro 3.000.

Infortuni sul lavoro: dal 12 ottobre nuovo obbligo di comunicazione

Nuovi obblighi in materia di lavoro, dal 12 ottobre 2017 il datore è obbligato a comunicare all’Inail l’infortunio che comporta un’assenza dal lavoro da uno a tre giorni. L’Inail, con la circolare n. 42 del 12 ottobre 2017, ha fornito le istruzioni operative al fine di adempiere al nuovo obbligo che risponde ad una finalità statistico-informativa e che si aggiunge a quello della denuncia degli infortuni con prognosi di almeno quattro giorni (escluso quello dell’evento).

Dopo i voucher arrivano il libretto famiglia e il contratto di prestazione occasionale

La Commissione Bilancio di Palazzo Montecitorio ha approvato il testo dell’emendamento sulle prestazioni di lavoro occasionale che prevede l’ingresso di due nuovi strumenti finalizzati a sostituire i voucher: si tratta del “libretto famiglia” e del “contratto di prestazione occasionale”. Le aziende, con un numero di lavoratori subordinati a tempo indeterminato inferiore a 5, potranno stipulare un mini-contratto occasionale con una paga oraria minima di 9 euro, a cui si aggiungono i contributi a carico del

Installazione di impianti GPS sull’auto aziendale

Ultimamente il legislatore ha cercato di adeguare la disciplina dei controlli a distanza dei lavoratori, tenendo conto delle evoluzioni tecnologiche, cercando di conciliarle con le attuali esigenze organizzative e produttive delle aziende. Oggi come oggi, molti degli strumenti utilizzati dai lavoratori per il proprio lavoro danno anche la possibilità ai datori di lavoro di “seguire” i loro movimenti e spostamenti. Tra questi sta diventando sempre più frequente l’installazione degli impianti GPS sulle auto aziendali con

Quali sono i vantaggi del Jobs Act per le PMI?

Jobs Act e PMI, se ne parla da tanto. Ma quali sono in sintesi i vantaggi che una PMI può trarre da questa riforma epocale del mercato del lavoro? Vediamoli insieme. NUOVI CONTRATTI E NUOVE DISCIPLINE È stata riscritta la disciplina di alcuni contratti di lavoro, tutto a partire dal fatto che “il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato costituisce la forma comune del rapporto di lavoro”. Contratto di collaborazione a progetto: verso la

5 Giu 2015

Job Act – Le nuove collaborazioni ed il riordino delle tipologie contrattuali

Il Consiglio dei Ministri del 20 febbraio u.s., ha approvato in via preliminare un decreto legislativo che contiene il testo organico semplificato delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni, in attuazione della delega contenuta nella L.183/2014. Interventi principali Il riordino prevede i seguenti interventi in sintesi: l'abrogazione delle collaborazioni a progetto fin dall'entrata del decreto. I rapporti già in essere a tale data potranno proseguire fino alla loro conclusione. A partire dal